23/10/2018 - Ultima revisione 23/10/2018


Tante innovazioni alla Mostra fotodocumentaria su Campanile in Sala degli Affreschi

Aperta tutti i giorni fino a domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19

FondArC





Sabato 20 ottobre si è aperto il sipario sulla mostra fotografico-documentaria che segue il tema scelto per la rassegna. A parlarne, con alcune brevi dichiarazioni, il dottor Rocco Della Corte, curatore scientifico della mostra insieme a Gaetano Campanile, figlio dello scrittore. La Sala degli Affreschi, sita nella Casa delle Culture e della Musica di Velletri, accoglie l’esposizione “Creazioni della fantasia e invenzioni letterarie”, aperta tutti i giorni fino a domenica 28 ottobre. Tanta l’attesa per questa mostra che seguirà il filo conduttore prescelto per la seconda edizione della rassegna “Campaniliana”, proponendo un percorso di visita totalmente rinnovato rispetto all’anno precedente, sia a livello di pannellistica, con immagini, documenti, manoscritti, corrispondenze e testi selezionati da Rocco Della Corte, sia sul piano della grafica curata da Gaetano Campanile. A rivelare alcuni dettagli è stato lo stesso Della Corte, curatore scientifico: «Il percorso tiene conto della biografia dell’autore, con una grande attenzione al versante giornalistico della sua carriera, per poi soffermarsi sulle fondamentali pagine scritte per la rivista “L’Europeo” e sull’attività di critico giornalistico-televisivo di Achille Campanile che ha inaugurato per primo questo filone di critica a pochi mesi dalla nascita della stessa televisione». «Il rigore filologico» - ha proseguito il curatore - «con il quale si è ricostruito l’intreccio tra il vissuto biografico di Campanile e i suoi continui contributi alla critica televisiva è stato mantenuto nell’allestimento di un’area multimediale, pensata come salottino dove i fruitori potranno guardare video inediti di Campanile che parla di temi come la crisi del teatro e della televisione intervenendo in trasmissioni note». Accanto al filone di critica militante, riguardo e attraverso i media, non sarà trascurata la produzione letteraria, anzi come ha sottolineato Della Corte «si è dato spazio, con l’assenso di Gaetano, alle creazioni della fantasia, in quanto spesso gli articoli di Campanile rappresentavano delle vere e proprie invenzioni, dei pretesti per ricamare su quello che vedeva in tv, ma abbiamo voluto mantenere lo sguardo sulle simultanee invenzioni letterarie. Ho cercato di collocare queste invenzioni letterarie, che rendono un classico tutta l’opera di Campanile, nel contesto più generale del Novecento italiano, mostrando le corrispondenze con Aldo Palazzeschi, Riccardo Bacchelli, Dino Buzzati e altri. Impagabile la collaborazione della Sapienza Università di Roma, con la professoressa Romiti e la dottoressa Nicoletta Rinaldi». L’attenzione della mostra rimane però sulla televisione, con l’esposizione di articoli pubblicati e racconti di critica televisiva. Interessanti gli abbinamenti tra manoscritti, con correzioni e cancellature autografe, e gli articoli andati a stampa su “L’Europeo”, ritagliati e ordinati dallo stesso Campanile, con la possibilità di seguire l’intero ciclo creativo. In ultimo Rocco Della Corte ha specificato altri aspetti: «Segno identificativo della mostra, che quest’anno – pur continuando a essere gratuita – avrà un ticket di ingresso come segnalibro-ricordo per i visitatori, sarà la teca espositiva con gli oggetti personali, deve restare un simbolo di continuità della mostra fotografico-documentaria, con le Olivetti, macchine da scrivere che lo hanno accompagnato tutta la vita, il monocolo, il cilindro». Con l’occasione i curatori Rocco Della Corte e Gaetano Campanile hanno ringraziato il Comune di Velletri, nelle persone del Sindaco Orlando Pocci e dell’Assessore alla Cultura Romina Trenta, e in modo particolare la Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli, promotrice della rassegna e ideatrice del Premio Nazionale. Uno dei più prestigiosi risultati conseguiti dalla sinergia FondArC/Memoria ‘900, l’Associazione che ha svolto un intenso lavoro per la “Campaniliana” dai turni per la vigilanza alla promozione degli eventi, è il patrocinio del Mibac: un riconoscimento nazionale che testimonia la rilevanza della “Campaniliana”.