03/12/2019 - Ultima revisione 03/12/2019


Al Teatro Artemisio-Volonté è andata in scena la tragedia aerobica “Lullaby”

Con l'organizzazione della Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri

Rocco Della Corte





Si è “consumata” domenica 1 dicembre, al Teatro Artemisio-Volonté, davanti ad un’ottima cornice di pubblico la tragedia aerobica “Lullaby” scritta e diretta da Erika Galli e Martina Ruggeri. Nel cartellone stilato dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli un’altra data interessante magistralmente interpretata dagli attori in scena, e cioè Marco Cavicchioli, Ermanno De Biagi, Francesca Mazza, Emanuela Villagrossi. La storia è ambientata negli ipotetici Stati Uniti d’Europa nel 2059, fra quaranta anni: il mondo ha scampato diverse catastrofi ed è diventato un luogo tranquillo e sereno. I giovani del 2019, pieno di incertezze e di paure, adesso si godono la piatta vita nei centri Lullaby – dall’inglese, ninna nanna - diffusi nel continente europeo senza praticamente agire, bighellonando e riposandosi. Questa situazione però li porta ad una sorta di straniamento, come se si alienassero dalla vita reale. Ed è allora l’azione l’unico antidoto all’intorpidimento fisico e mentale. Per il Teatro Artemisio-Volonté di Velletri un’altra bella esperienza in vista dell’ultimo appuntamento annuale in cartellone, sabato 14 dicembre alle ore 21.00 con “Non parlarmi di me, Marta mia” con Elena Arvigo. Nel mentre, tuttavia, non mancheranno spettacoli, saggi e concerti che terranno vivo e attivo praticamente quasi tutti i giorni il teatro veliterno.