immagine data articolo
31/01/2022 Voucher per possessori di abbonamenti e biglietti del Teatro
Al negozio Il Biglietto di via De Filippo, 99 a Velletri

Importante novità in merito agli spettacoli teatrali rinviati a causa della pandemia al Teatro Artemisio-Volonté di Velletri. Ecco le modalità per ritirare i voucher per i possessori di biglietti e abbonamenti.

 |.|

 

 

VOUCHER ABBONAMENTI

Gli abbonati potranno ritirare il proprio voucher riconsegnando l'abbonamento di cui sono in possesso. Qualora una persona volesse ritirare il voucher in nome e per conto di qualcun altro dovrà anche essere espressamente specificato in modo chiaro e leggibile il nominativo del delegato al ritiro del voucher, oltre alla sua firma. Contestualmente al ritiro, i voucher abbonamento potranno essere spesi scalando il relativo importo da quello del nuovo abbonamento. Qualora un vecchio abbonato non volesse riacquistare un nuovo abbonamento potrà spendere il suo voucher per acquistare i biglietti degli spettacoli. I voucher hanno una validità di 36 mesi dalla data della loro emissione.

 

 

VOUCHER BIGLIETTI 

 

Per quanto riguarda invece i voucher emessi sui biglietti, potranno essere spesi soltanto per l'acquisto dei biglietti dei nuovi spettacoli. Tutti i voucher emessi relativi ai biglietti dei 2 spettacoli del 2020 annullati per lockdown potranno essere ritirati riconsegnando obbligatoriamente per legge il biglietto cartaceo. Senza riconsegna fisica del biglietto cartaceo non si potrà ritirare il voucher, e questo perché i biglietti sono stati annullati, generando quindi dei movimenti fiscali. Il punto vendita di riferimento per tali operazioni è “Il Biglietto”, via Eduardo De Filippo, 99 a Velletri.

...




24/01/2022 Tradimenti di Harold Pinter
Sabato 5 febbraio - ore 21.00 - Teatro Artemisio-Volonte'

Primo spettacolo teatrale della nuova stagione 2022 targata Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri per il Teatro Artemisio-Gian Maria Volonté, diretto da Giacomo Zito. Sabato 5 febbraio, alle ore 21.00, è in programma “Tradimenti” di Harold Pinter per la regia di Michele Sinisi. 

 |.|

Opera teatrale del drammaturgo inglese, debutta a Londra nel 1978. Viene generalmente considerata una delle più grandi opere dell’autore, anche perché presenta molti dei suoi temi e caratteristiche stilistiche, come l’economia nei dialoghi, la delusione e auto-illusione dei personaggi. La trama ci conduce nel 1975, secondo anno della tresca tra Jerry ed Emma, che si incontrano sporadicamente all'appartamento per consumare il loro amore. Ma Emma, che sperava di vedere l'appartamento trasformarsi in una vera e propria casa per loro due, rimane delusa e la “coppia” decide di venderlo.

Sul palco di Velletri saliranno Stefano Braschi, Stefania Medri, Michele Sinisi. La traduzione è a cura di Alessandro Serra, mentre le scene saranno di Federico Biancalani. Lo spettacolo si avvale della consulenza artistica di Francesco Asselta e la direzione tecnica di Rossano Siragusano. All’aiuto regia Nicolò Valandro. I biglietti, disponibili dal 3 febbraio, possono essere acquistati su ticketone oppure presso “Il Biglietto” (via De Filippo, 99 a Velletri). L’accesso è consentito con Super GreenPass.

...




21/01/2022 Giacomo Zito nuovo Direttore Artistico
Ufficiale la nomina dal CDA

La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri comunica di aver nominato il nuovo direttore artistico, che si occuperà della programmazione delle attività culturali presso i due poli gestiti dalla Fondazione, il Teatro Artemisio-Volonté e la Casa delle Culture e della Musica.

 |.| 

Il nuovo direttore è Giacomo Zito: attore e regista, è diplomato in recitazione presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” nel 1990, e ha proseguito la formazione, durante gli anni, frequentando il corso di specializzazione per attori, alla “Guildhall School” di Londra. Ha all’attivo innumerevoli spettacoli teatrali, come regista e attore, oltre a diverse partecipazioni sia sul grande che sul piccolo schermo. Svolge attività di doppiaggio, speakeraggio e radio. In parallelo, numerose sono le sue direzioni artistiche di Festival e Rassegne Culturali e le attività didattiche presso università, laboratori e seminari.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Presidente della Fondazione, Tullio Sorrentino, che ha rivolto a nome suo e del CDA un sincero augurio di sereno e proficuo lavoro al neo direttore Zito cogliendo l’occasione per ringraziare il dimissionario direttore Claudio Maria Micheli per il prezioso lavoro svolto nei primi cinque anni di attività della FondArC.

...




12/01/2022 Stagione Teatrale 2022
Spettacoli a Febbraio e Marzo

Il Teatro Artemisio-Gian Maria Volonté è pronto ad accogliere il pubblico anche nel nuovo anno con quattro date che andranno a comporre la stagione teatrale. 

|.| 

La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura, in collaborazione con ATCL, Comune di Velletri, Regione Lazio e Ministero della Cultura, ha presentato infatti il programma molto variegato sia per tematiche che per generi.

 

Primo appuntamento sabato 5 febbraio (ore 21) con “Tradimenti” di Harold Pinter per la regia di Michele Sinisi e con Stefano Braschi, Stefania Medri, Michele Sinisi. Seguirà lo spettacolo di domenica 27 febbraio (ore 18.30) “The prudes” di Anthony Nielson con Carlotta Proietti e Gianluca Fogacci. Giovedì 10 marzo (ore 21) sarà la volta di “Oggi è già domani” di Willy Russel con Paola Quattrini e le musiche di Armando Trovajoli. Conclude il cartellone “Mio padre. Appunti sulla guerra civile” di Andrea Pennacchi (domenica 20 marzo, ore 18.30).

 

Ricordando che si può accedere, secondo le normative anti-contagio, solo ed esclusivamente con il Super Green Pass, sono disponibili sia gli abbonamenti che i biglietti. Per ciò che riguarda gli abbonamenti, il costo è di 60 euro (55 euro ridotto) per la platea primo settore, 55 euro (50 euro ridotto) per la platea secondo settore, 50 euro (45 euro ridotto) per la galleria. Gli abbonati possono ritirare il voucher presso la rivendita “Il Biglietto” (via Eduardo De Filippo, 99 a Velletri) al 17 gennaio e usarlo per la nuova campagna abbonamenti confermando il proprio posto, e per i singoli spettacoli, dal 17 gennaio 2022. Coloro che avevano acquistato un biglietto possono ritirare il voucher presso la rivendita “Il biglietto” dal 3 febbraio e usarlo per i singoli spettacoli.

 

Il costo dei singoli spettacoli è di 20 euro (+2 di prevendita) per la platea primo settore (18 euro +2 per il ridotto), 18 euro (+2 di prevendita) per la platea secondo settore (15+1,50 per il ridotto), 15 euro (+1,50 di prevendita) per la galleria (13 euro +1,50 per il ridotto). La galleria per gruppi organizzati è al costo di 10 euro (+1 di prevendita). Informazioni sul sito www.fondarc.it e sulla pagina facebook “Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri”.

...




03/01/2022 Cordoglio per la scomparsa dell'Assessora Romina Trenta

La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri e il presidente Tullio Nicola Sorrentino, appresa la notizia della prematura scomparsa dell’Assessora alle Politiche Culturali dottoressa Romina Trenta, si uniscono al cordoglio della comunità per questa grave perdita. L’Assessora ha sempre collaborato in maniera fattiva e proficua con la Fondazione, mostrandosi ogni volta disponibile al dialogo e facendo sentire la propria vicinanza, umana e istituzionale, alle attività culturali proposte. Ai suoi familiari le più sentite condoglianze.

...




23/12/2021 Auguri di buone feste da FondArC
Buon Natale e Felice Anno Nuovo

...




20/12/2021 Riccardo III con Teatro della Luce dell'Ombra e Fondarc
Domenica 19 dicembre alle 17,45

Pubblico delle grandi occasioni al Teatro Artemisio-Volonté di Velletri per la prima nazionale del “Riccardo III” di William Shakespeare messo in scena dalla Compagnia del Teatro della Luce e dell’Ombra per la regia di Gennaro Duccilli e con le musiche del Maestro Claudio Maria Micheli e le scenografie del Maestro Sergio Gotti. L’evento è stato realizzato con il contributo della Regione Lazio.

Davanti a una platea stracolma in ogni ordine di posto, è andato in scena lo spettacolo tanto atteso: un testo visionario, che pur ripercorrendo la trama del testo teatrale di Shakespeare, apre scenari spettacolari con incursioni extra-testuali e para-testuali che danno all'opera, grazie anche ad una scenografia su tre piani (che rimanda ai Luna Park del Cinema muto) e costumi di ambientazione post-apocalittica, un fascino diverso ed un impulso nuovo che permette, soprattutto ai giovani, di fruirne scoprendone aspetti quanto mai coinvolgenti. Il personaggio di Riccardo III, zoppo, gobbo e deforme, che incarna uno dei più grandi "Cattivi", della Letteratura d'Occidente, rappresenta il prodotto ultimo della Guerra delle due Rose, dell'odio tra famiglie: è la malattia che assale i vari organi, compresi quelli che la fanno esistere. Il potere è una forma di malattia? |2 Il cast è composto da Paolo Ricchi (Lord Buckingham), Maurizio Castè (Clarence), Simona Sanzò (Duchessa di York), Ariela La Stella (Regina Elisabetta), Fabrizio Rinaldi (Re Edoardo IV), Giordano Luci (Lord Stanley). Insieme a loro gli attori della residenza teatrale attiva alla Casa delle Culture e della Musica: Maria Angelica Duccilli, Samuel Di Clemente, Gianfranco Draicchio, Priscilla Menin, Riccardo De Fusco, Silvia Cavaliere, Matteo Berruto, Antonio Maria Duccilli, Antonella Sciotti, Lorenzo Lotti, Lorenzo Petrucci e Marco Monti. |3

 

Gli attori del Maestro Duccilli hanno replicato anche nella mattinata di lunedì, per le scuole superior, la loro performance. Soddisfazione è stata espressa da Claudio Maria Micheli, attuale direttore della Fondarc nonché curatore delle musiche dello spettacolo. Insieme al Maestro Sergio Gotti e al regista Gennaro Duccilli, a fine serata ha salutato la platea. Un fortissimo segnale di rinascita per il teatro Artemisio-Volonté, che ora si appresta ad ospitare “Velletri for Christmas”, consueto concerto di Natale in programma per giovedì 23 dicembre.

...




05/12/2021 Riccardo III di William Shakespeare al Teatro Artemisio
Domenica 19 dicembre alle 17,45

Un altro grande evento prima di Natale al Teatro Artemisio-Volontè di Velletri. Il Teatro della Luce e dell’Ombra, con il patrocinio della Regione Lazio e della Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri, porterà in scena per la regia di Gennaro Duccilli il “Riccardo III” di William Shakespeare.

 

Tantissimi gli artisti coinvolti nel progetto, a cominciare dal Maestro Claudio Maria Micheli per le Musiche e dal Maestro Sergio Gotti per le scenografie.

 

Uno spettacolo visionario, che pur ripercorrendo la trama del Testo teatrale di Shakespeare, apre scenari spettacolari con incursioni extra-testuali e para-testuali che danno all'opera, grazie anche ad una scenografia su tre piani (che rimanda ai Luna Park del Cinema muto) e costumi di ambientazione post-apocalittica, un fascino diverso ed un impulso nuovo che permette, soprattutto ai giovani, di fruirne scoprendone aspetti quanto mai coinvolgenti. Il personaggio di Riccardo III, zoppo, gobbo e deforme, che incarna uno dei più grandi "Cattivi", della Letteratura d'Occidente, rappresenta il prodotto ultimo della Guerra delle due Rose, dell'odio tra famiglie: è la malattia che assale i vari organi, compresi quelli che la fanno esistere. Il potere è una forma di malattia? Il cast è composto da Paolo Ricchi (Lord Buckingham), Maurizio Castè (Clarence), Simona Sanzò (Duchessa di York), Ariela La Stella (Regina Elisabetta), Fabrizio Rinaldi (Re Edoardo IV), Giordano Luci (Lord Stanley). Insieme a loro gli attori della residenza teatrale attiva alla Casa delle Culture e della Musica: Maria Angelica Duccilli, Samuel Di Clemente, Gianfranco Draicchio, Priscilla Menin, Riccardo De Fusco, Silvia Cavaliere, Matteo Berruto, Antonio Maria Duccilli, Antonella Sciotti, Lorenzo Lotti, Lorenzo Petrucci e Marco Monti.

I costumi sono di Giulia Cilia, il sound design di Giulio Duccilli. La comunicazione è a cura di CULT ADV. I biglietti, al prezzo di euro 15,00, sono acquistabili on line al oltre che presso “Il biglietto” (via Eduardo De Filippo, 99) e il bar della Casa delle Culture e della Musica negli orari di apertura.

...




22/11/2021 Premiazione del 'Città di Velletri alla Carriera Cinematografica'
Sabato 21 novembre - ore 18,30

Gran galà con tanti ospiti e tante emozioni alla Casa delle Culture e della Musica di Velletri per la terza edizione del Premio alla Carriera Cinematografica Città di Velletri, ideato dal regista-attore Fernando Mariani e organizzato dallo stesso insieme alla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri diretta dal M° Claudio Maria Micheli. 

|.|

 

Di fronte ad un pubblico attento e coinvolto, l’Auditorium ha ospitato tutti i premiati di questa edizione, che rappresentano le maestranze di tutti i settori del cinema. Con la conduzione della serata di Fernando Mariani e di Vera Dani e le letture di Patrizia Audino, oltre agli interventi musicali dei maestri Micheli e Giordano, si sono avvicendati sul palco tutti gli ospiti: |4 Rino Barillari (fotografo, definito dai più il “re dei Paparazzi”, ha scattato foto ai più importanti personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo, dello sport e della politica da De Niro a Maradona, da Lady Gaga ad Angelina Jolie), Franco Casagni (truccatore del cinema e realizzatore di effetti speciali dal 1974), Simona Cavallari (attrice di cinema, teatro e tv), Luigi Cozzi (regista, sceneggiatore, scrittore e docente attivo nei generi di fantascienza e horror), Gianni Mammolotti (direttore della fotografia, già candidato al David di Donatello), Massimo Perla (addestratore di cani nel settore cinematografico), Isabella Poli (organizzatrice cinematografica e location manager), Gianni Quaranta (regista, scenografo, costumista, designer di progetti creativi per mostre ed eventi di spettacolo, vincitore di un Oscar), Vittorio Storaro (direttore della fotografia vincitore di tre Premi Oscar, quest’ultimo assente per motivi di lavoro), Luca Verdone (regista cinematografico). Commovente il ricordo di Thomas Rudy, che ha vissuto a Velletri ed è recentemente scomparso: era il volto del cinema western insieme a Bud Spencer e Terence Hill. Sul palco la figlia ha ritirato l'omaggio. |2

 

Il premio, consistente in una Torre del Trivio contornata da una pellicola e realizzato dal maestro orafo Ciro Del Ferraro, è ormai alla terza edizione. Fernando Mariani, ideatore, ha così commentato l’iniziativa al termine dell’evento: “si tratta di un nuovo grande successo in quest’edizione targata Fondarc e Fernando Mariani, per me è stato un grande successo superiore ai successi già ottenuti nelle due edizioni precedenti nonostante tutte le problematiche. Comunque”, ha puntualizzato, “sono soddisfattissimo sia per come è andata la manifestazione osannata da tutti i presenti sia per la partecipazione di tutti i premiati compreso il grande assente giustificato e premiato in precedenza Vittorio Storaro. Un successo che mi sprona sempre più a raggiungere nuovi traguardi nei prossimi anni, traguardi che vorrei raggiungere ancora e sempre più con la Fondazione e gli altri che hanno contribuito”. |3

...




12/11/2021 Spettacolo con Carlo Cecchi al Teatro Artemisio
Martedì 7 dicembre - ore 21.00

Grande e attesissimo evento teatrale all’Artemisio-Volonté di Velletri, diretto dal Maestro Claudio Maria Micheli. Martedì 7 dicembre, alle ore 21.00, Eduardo De Filippo torna virtualmente sul palco veliterno – nella città che lo ospitò e lo insignì della cittadinanza onoraria e a cui il grande drammaturgo era molto legato – con due atti unici per la regia di Carlo Cecchi. |.|

 

“Dolore sotto chiave”, nato come radiodramma nel 1958, è una girandola di situazioni grottesche, un gioco beffardo sul senso della morte, sulla sua permanenza nelle nostre vite. De Filippo gioca con la morte, la ridicolizza, l’esorcizza così: ridendoci (e facendoci ridere) su. Perché è anch’essa parte delle nostre esistenze e cercare di negarla, non riconoscerla, significa negare la vita stessa. “Sik Sik l’artefice magico” è invece il primo degli umanissimi tragicomici personaggi di De Filippo, illusionista maldestro e squattrinato si esibisce in teatri di infimo ordine con la moglie Giorgetta e Nicola, che gli fa da spalla. Una sera, all’ultimo momento, è costretto a sostituire la spalla con il primo, povero, malcapitato. In un crescendo di inesorabili qui-proquo, la vicenda umana e comica dello spiantato illusionista, mago da strapazzo, porta con sé il retrogusto amaro del fallimento.

 

Il cast è di assoluto livello e fra gli attori c’è anche Angelica Ippolito, recentemente intervenuta alla “Campaniliana” (altro evento targato FONDARC) e insignita della cittadinanza onoraria veliterna. Carlo Cecchi, che firma la regia dei due atti unici, non ha bisogno di presentazioni: dopo aver frequentato l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica, ha diretto dal 1968 centinaia di spettacoli oltre a cimentarsi nel ruolo di attore.

 

La prevendita è possibile on line su www.etes.it oppure nei seguenti punti vendita: “Il Biglietto” di Velletri (via Eduardo De Filippo, 99) e “Drin Service” (Via Don Nazario Galieti, 10 a Genzano) oltre che al botteghino il giorno dello spettacolo. I costi: I settore 23 euro, II settore 20 euro, galleria 15 euro. Per accedere è necessario il Green Pass. 

...




08/11/2021 Giornata di studi su Campanile, Premiazione e 'Risorgimenticchio'
6 - 7 novembre - 18.00

Si è conclusa con altri due interessanti appuntamenti la “Campaniliana”, rassegna nazionale di teatro e letteratura ideata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura in collaborazione con Memoria ‘900 e patrocinata dal Comune di Velletri e dal MIBAC. |.| Dopo l’inaugurazione con il saluto di Pino Strabioli e gli interventi di Angelica Ippolito e Giorgio Lupano e la rappresentazione dell’opera segnalata 2020, “38 giorni per cambiare vita”, con Giacomo Zito e Chiara Di Stefano il week end appena trascorso ha visto tanti altri protagonisti e un numeroso afflusso di pubblico.

 

Sabato 6 novembre in Auditorium alla Casa delle Culture la giornata di studi, coordinata da Rocco Della Corte, con Paolo Bruini, attore e docente laureatosi all’Università di Bologna con una tesi su Achille Campanile. Il giovane studioso, classe 1995, ha condotto la platea all’interno dei meccanismi comici e umoristici campaniliani, a partire dalle figure retoriche e dalle metodologie di scrittura che poi si allargano anche al teatro e al romanzo. Un intervento davvero interessante, mai noioso, che ha letteralmente aperto nuovi orizzonti ai fruitori dei testi del Maestro. Assente, per un imprevisto, l’altro studioso, Michele Palmiero: l’incontro sarà riprogrammato non appena possibile.

 

Domenica 7 novembre, invece, è stata la volta della premiazione: di fronte ad un Teatro Artemisio-Volontè nuovamente pieno (un’emozione, per la seconda volta in sette giorni) i giurati Emilia Costantini e Arnaldo Colasanti hanno svelato il copione vincitore. Si tratta de “La mia famiglia on line” di Giuseppe Della Misericordia, in un’ironia della sorte che lo ha visto aggiudicarsi lo scorso anno la menzione speciale e quest’anno il premio.

 

La motivazione, firmata dal Presidente Colasanti con il beneplacito dei giurati Gaetano Campanile, Emilia Costantini, Vera Dani e Michele La Ginestra, è la seguente: “La qualità preziosa di La mia famiglia on line è il fatto che tutto ciò che accade sia facile, comodo, rilassante, giocoso. Il rapporto matrimoniale di Lucia e Francesco è di una leggerezza invidiabile. Chiunque vorrebbe vivere come loro, senza le fatiche del giorno, coccolati e viziati da un’esistenza di schermi computer, intelligenze artificiali, droni e realtà virtuali a servizio. La felicità è tutta qui: pensare una cosa e averla subito, |2 all’istante. Ma è così? Quando un drone si perde tra i rami di un faggio, cambia qualcosa: ci si accorge che questa realtà godibile di puro confort nasconde una terribile voragine. Per esempio, Lucia si accorge di non saper più vivere come un essere umano: si vede goffa nei suoi 32 metri da attraversare dalla casa verso l’albero. L’entrata in scena di Thomas, un pittore vero con pennello, matite e colori, è la goccia che fa traboccare qualsiasi equilibro: si comprende che la vita invidiabile è solo un’esistenza sprovvista di abilità e di carattere; è una vita d’acquario. Ma Lucia impara: apprende l’arte della vita. Capisce una cosa semplicissima quanto essenziale: il fatto che il campanello fuori dalla porta, suonando, annunci che c’è qualcuno e che il mondo, con tutti i suoi difetti, sia vero, è una cosa straordinaria. La sua domanda è struggente: “Io credevo… io ho sempre pensato che non ci fosse nessuno fuori!” Invece, il mondo ci sorprende ancora: forse solo Francesco, il marito virtuale, non riesce proprio a capirlo. Quello che lui deciderà di fare non è che vivere dentro una paura abbagliata dall’illusione. |3 E la sua, alla fine, non sarà una decisione, ma l’ammissione della qualità preziosa di questo testo: la vita vera degli uomini è un pericolo, è una scommessa: non può essere che una splendida paradossale, bellissima sorpresa – costi quel che costi”.

 

A seguire la compagnia “Ferro e Fuoco” della UILT, che anche quest’anno è stata presente con la presidente del Lazio Stefania Zuccari, il delegato Enos Palmisano e il referente Enrico Cappelli, ha messo in scena “Risorgimenticchio” in prima nazionale. L’opera vincitrice dello scorso anno, alla presenza dell’autore Giovanni Di Grezia, ha riscosso gli applausi dei presenti che hanno molto apprezzato la regia di Gianni De Feo e la prova degli attori.

 

Va agli archivi una quinta edizione ricca di contenuti, ospiti ed eventi: i numeri hanno premiato l’iniziativa, con il convegno che ha visto arrivare di lunedì pomeriggio oltre 70 persone in Auditorium, i due spettacoli che hanno portato a teatro 200 persone a testa e una giornata di studi davvero interessante capace di attrarre nonostante il diluvio oltre 30 spettatori. Gli ospiti, con la loro qualità e la loro disponibilità, hanno impreziosito il lavoro dell’organizzazione e confortato la mission della “Campaniliana” che era e resta quella di creare dibattito, discussione, riflessione sull’opera di Campanile in quella che fu la sua città adottiva insieme a Lariano.

...




05/11/2021 '38 giorni per cambiare vita' al Teatro Artemisio-Volonté
Sabato 30 ottobre - ore 18.00

Grande successo per lo spettacolo teatrale "38 giorni per cambiare vita" di Giuseppe Della Misericordia, alla presenza dell’autore in prima fila al Teatro Artemisio-Volontè di Velletri. 

 |.| 

L’opera segnalata al Premio Campanile 2020, è stata splendidamente messa in scena dalla compagnia Arteidea con Giacomo Zito e Chiara Di Stefano protagonisti assoluti della serata. Di fronte ad un teatro Artemisio-Volonté nuovamente gremito, sabato pomeriggio gli attori hanno condotto nel copione il pubblico in questa trama articolata e scoppiettante. Mai come oggi si muore e si risorge in un solo giorno. E non perché in giro ci siano delle divinità. Il fatto vero è cha la vita di ciascuno di noi si regge ad un filo sottilissimo tirato, stretto stretto, dalla grande madre che regola la nostra vita e le nostre preoccupazioni: la banca.

La storia della donna in fuga e del funzionario di banca che può distruggere e salvare fino alla pura felicità la nostra protagonista è forse la storia di tutti noi: non più Lazzaro, ma ciascuno Alice nel paese delle NON meraviglie.

 

Un’altra data che va agli archivi positivamente per la “Campaniliana”, rassegna organizzata da FONDARC in collaborazione con Memoria '900 e Comune di Velletri e patrocinata dal Ministero della Cultura.

...




04/11/2021 Gran galà alla Casa delle Culture per il Premio alla Carriera Cinematografica Città di Velletri
20 novembre - ore 17.30

Torna il Premio alla Carriera Cinematografica “Città di Velletri”, ideato da Fernando Mariani e realizzato quest’anno per la sua terza edizione dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli e da Fernando Mariani.

|.|

 Tantissimi i nomi dei premiati, che come di consueto rappresentano tutte le categorie lavorative del mondo del cinema.

 

Sul palco dell’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica, con la conduzione della serata a cura di Vera Dani e Fernando Mariani, saranno presenti moltissimi degli artisti selezionati. Con la preziosa collaborazione di Patrizia Audino, gli ospiti verranno intervistati e a loro sarà consegnato personalmente il premio.

 

I premiati 2021 sono Rino Barillari (fotografo, definito dai più il “re dei Paparazzi”, ha scattato foto ai più importanti personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo, dello sport e della politica da De Niro a Maradona, da Lady Gaga ad Angelina Jolie), Franco Casagni (truccatore del cinema e realizzatore di effetti speciali dal 1974), Simona Cavallari (attrice di cinema, teatro e tv), Luigi Cozzi (regista, sceneggiatore, scrittore e docente attivo nei generi di fantascienza e horror), Gianni Mammolotti (direttore della fotografia, già candidato al David di Donatello), Massimo Perla (addestratore di cani nel settore cinematografico), Isabella Poli (organizzatrice cinematografica e location manager), Gianni Quaranta (regista, scenografo, costumista, designer di progetti creativi per mostre ed eventi di spettacolo, vincitore di un Oscar), Vittorio Storaro (direttore della fotografia vincitore di tre Premi Oscar), Luca Verdone (regista cinematografico).

 

L’evento si svolgerà nell’Auditorium della Casa delle Culture sabato 20 novembre alle ore 17.30. L’ingresso è libero, fino ad esaurimento posti, in ottemperanza alle normative anti-covid e con Green Pass. Si ringraziano per il sostegno gli sponsor Bagaglini Costruzione, Euroservices Antincendio, Risparmio Carni e Class Auto. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Velletri.

...




28/10/2021 Convegno inaugurale 'Campaniliana' 2021 con Giorgio Lupano e Angelica Ippolito
25 ottobre - 18.00

Convegno inaugurale per la “Campaniliana”, rassegna nazionale di letteratura e teatro dedicata al genio di Achille Campanile. |.|

 

Nell’Auditorium della Casa delle Culture di Velletri sono stati ospiti Angelica Ippolito e Giorgio Lupano per parlare dello stato di salute del teatro umoristico fra passato e presente. È emersa una conversazione, coordinata da Vera Dani e con l’intervento di Rocco Della Corte, davvero intensa fra aneddoti, esperienze personali e formazione professionale dei due ospiti. Angelica Ippolito ha sottolineato la difficoltà di rappresentazione dell’umorismo, per il quale è necessario conoscere bene i tempi di scena oltre che le battute.

 

Giorgio Lupano, che ha recentemente messo in scena uno spettacolo tratto dai testi di Campanile, si è invece soffermato sulla raffinatezza del genere umoristico che senz’altro presuppone un coinvolgimento graduale del pubblico, da “portare dentro il testo”. Eduardo, maestro di Angelica, esordì proprio con un teatro umoristico e ha sempre scritto testi che fanno senz’altro sorridere ma poi anche riflettere. Stesso destino per Achille Campanile, il quale tuttavia ha lavorato in maniera forse diversa sul linguaggio. Entrambi i relatori hanno tuttavia evidenziato l’esigenza di un teatro umoristico, sia da parte degli autori che gli attori, quale argine ad una comicità spicciola e talvolta basata più sull’esagerazione che sul contenuto: parafrasando Achille Campanile, l’umorismo fa il solletico al cervello rispetto alla comicità che invece solletica la pancia.

 

Molto toccante, in apertura, l’omaggio a Piera Degli Esposti. Gaetano Campanile l’ha ricordata come “una donna di famiglia”, mentre Pino Strabioli in video ha elogiato quella capacità espressiva unica di un’attrice ineguagliabile, completa e dalla immensa personalità. Al termine del convegno spazio ad una finestra istituzionale: il presidente del Consiglio Comunale Sergio Andreozzi e la vice-Sindaca Giulia Ciafrei hanno consegnato ad Angelica Ippolito la cittadinanza onoraria di Velletri, in virtù del forte impegno civile che insieme al compagno Gian Maria Volontè ha profuso all’interno della comunità.

 

La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura, invece, ha assegnato un premio alla carriera (realizzato dall’orafo Duilio Leo) alla stessa Ippolito, con il consigliere Carlo Guglielmi a consegnarlo all’attrice, visibilmente commossa. La “Campaniliana”, che nonostante il lunedì pomeriggio ha radunato oltre settanta presenti in platea, prosegue con un appuntamento teatrale: sabato 30 ottobre alle 18, per la regia di Giacomo Zito, al Teatro Artemisio-Volonté va in scena “38 giorni per cambiare vita” di Giuseppe Della Misericordia, opera che fu segnalata dalla Giuria al premio Campanile 2020.

...




11/10/2021 Programmazione Teatro Artemisio ottobre-dicembre 2021

 

...




06/10/2021 Rassegna nazionale 'Campaniliana': comunicato e programma 2021
Dal 25 ottobre al 7 novembre

Torna, per il quinto anno consecutivo, la rassegna nazionale di teatro e letteratura “Campaniliana”, dedicata al genio funambolico di Achille Campanile, giornalista, drammaturgo, scrittore tra i più prolifici del Novecento.

 

La macchina organizzativa, capeggiata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri in collaborazione con Memoria ‘900 e Fondo Campanile e con il patrocinio del Comune di Velletri e il patrocinio del Ministero della Cultura propone diversi appuntamenti nel periodo tra il 25 ottobre e il 7 novembre. Già nel mese di febbraio era stato lanciato il Premio Nazionale Teatrale, teso a scovare fra i tanti pervenuti il miglior copione inedito di genere umoristico da premiare con un assegno di 1500,00 euro messo a disposizione dalla Casa di Cura "Madonna delle Grazie”.

 

In Giuria, sotto la guida del presidente Arnaldo Colasanti, critico letterario e scrittore, l’attore e sceneggiatore Michele La Ginestra, Gaetano Campanile, figlio dello scrittore, e Vera Dani, docente e consigliera FONDARC e la giornalista del “Corriere della sera” Emilia Costantini. Il vincitore oltre al premio in danaro vedrà la messa in scena, in prima nazionale, della propria opera l’anno successivo al Teatro Artemisio-Volonté di Velletri grazie alla sinergia fra FONDARC e UILT.

Per quanto concerne il programma della rassegna, la prima data è lunedì 25 ottobre quando alle ore 18.00 all’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica si terrà il convegno sul teatro umoristico fra passato e presente. Ospiti due grandi attori: Giorgio Lupano e Angelica Ippolito, che saranno coordinati dalla professoressa Vera Dani.

 

Giorgio Lupano, volto arcinoto di cinema, teatro e tv, si è diplomato nel 1993 alla scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi. Nasce artisticamente come attore di teatro, prima di lavorare anche sul grande e piccolo schermo esordendo con Florestano Vancini e Roberto Andò. Protagonista di alcune fiction di successo (“RIS. Delitti imperfetti”, “Regina dei fiori”, “Paura di amare”, “Sacrificio d’amore”, “Il paradiso delle signore”), ha portato già più volte Achille Campanile in scena, l’ultima proprio questa estate quando ha fatto tappa al Teatro di Paglia di Nemi.

 

 

Angelica Ippolito è già molto conosciuta a Velletri: figlia acquisita di Eduardo De Filippo e compagna di Gian Maria Volontè, ha vissuto a lungo nella casa appartenuta prima al grande drammaturgo partenopeo e poi al grande interprete del cinema novecentesco in contrada Colle Ottone. Attrice di formazione puramente teatrale, ha debuttato nel 1975 al fianco di Eduardo, prima di vincere il David di Donatello nel 1977 con “Oh, Serafina” di Lattuada. Ad Angelica Ippolito la FONDARC tributerà anche un omaggio alla carriera.

 

La seconda data della rassegna è per sabato 30 ottobre, alle ore 18.00, al Teatro Artemisio-Volonté. Arteidea, diretta da Giacomo Zito, porterà in scena l’opera segnalata della scorsa edizione del Premio, “38 giorni per cambiare vita” di Giuseppe Della Misericordia. Una scoppiettante commedia che vedrà sul palco Giacomo Zito e Chiara Di Stefano. I costumi sono a cura di Isaura Bruni, luci e fonica di Giulio Mignucci, assistenza alla regia di Daniele Ponzo. Il testo riflette sul fatto che mai come oggi si muore e si risorge in un solo giorno. E non perché in giro ci siano delle divinità: la vita di ciascuno di noi si regge ad un filo sottilissimo tirato, stretto stretto, dalla grande madre che regola la nostra vita e le nostre preoccupazioni: la banca. La storia della donna in fuga e del funzionario di banca che può distruggere e salvare fino alla pura felicità la nostra protagonista è forse la storia di tutti noi: non più Lazzaro, ma ciascuno Alice nel paese delle non meraviglie.

 

Terzo appuntamento della “Campaniliana” con la giornata di studi, sabato 6 novembre alle ore 18.00 all’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica. Gli studiosi Paolo Bruini, dell’Università di Bologna, e Michele Palmiero, dell’Università di Urbino, presenteranno – con il coordinamento di Rocco Della Corte – le loro tesi di laurea dedicate a Campanile, alla sua opera e alla sua scrittura. Un momento importante e di vivo interesse per testimoniare la grande attualità dell’autore e l’interpretazione dei giovani studiosi nei confronti del Maestro.

 

Ultima data, la più attesa per i partecipanti al concorso, domenica 7 novembre alle ore 18.00 al Teatro Artemisio-Volonté. Sarà ufficialmente proclamato il vincitore della V edizione del Premio Nazionale Teatrale “Achille Campanile” alla presenza della Giuria. Successivamente, chiusura con lo spettacolo teatrale che si è aggiudicato il premio lo scorso anno: “Risorgimenticchio” di Giovanni Di Grezia. Il testo, ritenuto il più meritevole dalla Giuria, ha alla base c’è il dramma di questi anni: la crisi della politica, la difficoltà di pensare qualcosa di intelligente per cambiare questo paese. Ma al fondo c’è anche qualcosa di così tragico da rivelarsi sottilmente umoristico. La nostra più radicale verità: non sappiamo che pesci prendere; non sappiamo cosa fare e dire rispetto ad una società contemporanea che ci sfugge da tutte le parti. Allora arriva la soluzione di Risorgimenticchio. Quale? Richiamare in vita i morti, quelli più competenti: per esempio, Mazzini. Sul palco salirà la compagnia UILT “Ferro e Fuoco” con Adriano D’Amico (politico), Alessandra Ferro (fattucchiera), Claudio Panzironi (portaborse e insegnante), Gaetano Aiello (Mazzini) per la regia di Gianni De Feo. Tutti e due gli spettacoli avranno un costo di euro 10 (posto unico), la prevendita si può effettuare al bar della Casa delle Culture e della Musica (lunedì-venerdì dalle 9.00 alle 19.00) e l’accesso sarà consentito esclusivamente con il Green Pass.

 

La “Campaniliana” anche quest’anno si conferma iniziativa di spessore che bada alla qualità e al livello della proposta culturale. Merito del duro lavoro del Comitato Scientifico Organizzativo, con il direttore della FONDARC Claudio Maria Micheli in primis insieme ad associazioni, enti e cittadini che contribuiscono ogni anno.

...




29/09/2021 Eventi di ottobre per 'Paesaggi del corpo'
10, 17 e 31 ottobre

 Balletto CivileCompagnia Zappalà Danza e Dacru Dance Company sono le prestigiose compagnie ospiti di Paesaggi del Corpo Festival Internazionale Danza Contemporanea in scena il 10, il 17 e il 31 ottobre al Teatro Artemisio Gian Maria Volontè di Velletri (RM).

 

Il 10 ottobre è la volta della compagnia Balletto Civile che presenta Concerto Fisico, solo interpretato da Michela Lucenti, che attraverso la sperimentazione del rapporto tra corpo e suono produce un dialogo continuo fra l’interprete e la creazione sonora live di Tiziano Scali e Maurizio Camilli. Una partitura fisica e vocale che ripercorre e ridisegna la storia di Balletto Civile, compagnia nata all’interno dell’ex Ospedale Psichiatrico di Udine. Uno dei centri dove Basaglia ha rivoluzionato il concetto di pazzia. La poetica della coreografa è scaturita in quel luogo, isolati dal mondo e allo stesso tempo nel centro del suo fuoco bruciante.

 

Si continua il 17 ottobre con uno spettacolo-evento a cura della Compagnia Zappalà Danza, fondata dal coreografo di fama internazionale Roberto ZappalàRomeo Giulietta 1.1 La Sfocatura dei Corpi, una riproposizione di Romeo e Giulietta che non vuole “parlare” d’amore ma essere un atto d’amore verso la vita. Nelle note vicissitudini scespiriane si arriva all’amore sublimato dalla morte (e viceversa), la versione 1.1  vuole  riflettere e al contempo “ribellarsi” ad un tempo storico (oggi) dove la pulsione di morte è sublimata solo da sé stessa e contrapporre passione e rispetto nei confronti della vita.  Bastano solo i due innamorati a tracciare e sintetizzare la celebre storia d’amore attraverso i loro corpi vibranti, morbidi e tesi, ansimanti e impetuosi nel loro avvinghiarsi, distanziarsi e ricongiungersi. |2

 

Il mese di ottobre si chiude il 31 con un altro imperdibile appuntamento che vede in scena Dacru Dance Company con People. Un’analisi profonda e segreta – in alcuni istanti forse serafica – dei contorni degli esseri umani, esponenti di una razza che nella società contemporanea viene sempre più esposta a un fittizio contatto, fatto di sharing fotografico, di giudizi, di gradimento, di “seguito” e “status”, inventati e proporzionalmente sempre più circoscritti – spesso esiliati – a una solitudine sociale. Lo spettacolo racconta come, in una spazio limitato e delimitato, ogni respiro diventi la ricerca di una piccola terra, di una “comfort zone”, dove si è ciechi a ciò che vive fuori. Come per gli anni precedenti, il Festival verrà realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola e sostenuto dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2021 sullo Spettacolo dal Vivo. In collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con il patrocinio del Comune di Velletri. Tutte le attività si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti-covid. Il programma del Festival è su: paesaggidelcorpo.it

...




20/09/2021 Eventi di settembre con 'Paesaggi del corpo'
26 settembre ore 18:00

Al Teatro Artemisio Gian Maria Volontè, il 26 settembre alle ore 18:00, la compagnia toscana MOTUS presenta A≠B ADIVERSODAB, una performance di danza contemporanea, energica, espressiva e a tratti ironica. Un’esibizione che affronta il tema delle diversità, interrogandosi sui concetti di uguaglianza ed equità.

 

In breve, per denunciare che troppo spesso, citando Orwell: “Tutti sono uguali ma qualcuno è più uguale degli altri”. A≠B utilizza il particolare stile coreografico della Compagnia per sottolineare che le diversità sono una ricchezza, da tutelare e valorizzare. Le coreografie sono di Simona Cieri (assistente alla coreografia Martina Agricoli) e la regia di Rosanna e Simona Cieri.

 

Come per gli anni precedenti, il Festival verrà realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola, e sostenuto dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2021 sullo Spettacolo dal Vivo. In collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con il patrocinio del Comune di Velletri. Tutte le attività si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti-covid. Il programma del Festival è su: paesaggidelcorpo.it

Per info e prenotazioni: info@paesaggidelcorpo.it

...




01/08/2021 'Il vecchio e il mare' alla Casa delle Culture con Sebastiano Somma
Davanti a oltre cento persone

“L’uomo può essere ucciso, ma non sconfitto”: questa cruda e simbolica verità è solo una delle tante di Ernest Hemingway che, tramite la voce di Sebastiano Somma, sono risuonate all’interno del Chiostro della Casa delle Culture e della Musica di Velletri.

 |.| 

 

“Il vecchio e il mare”, romanzo breve dello scrittore americano, sembra scritto ieri nonostante la data della prima edizione dica 1952. Un vero e proprio viaggio tra metafore e riflessioni, che ha quali protagonisti Santiago, pescatore cubano che pesca il più grande marlin della sua vita e se lo fa poi sottrarre dagli squali, e Manolin, un giovane che infonde coraggio all’anziano pescatore. La serata, organizzata dalla FONDARC e dall’ATCL con i patrocini di Comune di Velletri, Regione Lazio e Ministero della Cultura, ha richiamato all’interno del Chiostro oltre cento persone, che hanno seguito con grande attenzione le letture sceniche con la regia di Sebastiano Somma, l’interpretazione di Cartisia Josephine Somma e le musiche del Maestro Riccardo Bonaccini. Il tempo si è come fermato ed è poi passato sin troppo velocemente: le atmosfere liriche e appassionanti de “Il vecchio e il mare”, nel dialogo tra Manolin e Santiago e con gli intermezzi musicali, hanno letteralmente catturato i presenti, mentre un’opera d’arte contemporanea rappresentante il gigantesco marlin faceva da discreta scenografia.

 

I cambi di tono di Sebastiano Somma, tra l’interpretare il narratore e dare la voce a Santiago, e la coraggiosa voce di Cartisia, che doveva infondere coraggio al “vecchio”, hanno trasformato le arcate del Chiostro veliterno in un’ideale mare cubano, o nella dimessa capanna del pescatore con il letto fatto da vecchi giornali. Sebastiano Somma è un vero e proprio estimatore di Hemingway: lo sente vibrare nelle sue vene, anche grazie alla passione che immette in ogni interpretazione. Il grande attore, nel rilasciare alcune dichiarazioni prima dello spettacolo, ha puntualizzato come “Il vecchio e il mare” sia “uno spettacolo che faccio ogni tanto in luoghi particolari. Queste cose vanno fatte dove c’è un’alta attenzione, con un pubblico che ama seguire la letteratura. Un luogo come la Casa delle Culture è perfetto, come lo sono i posti di mare. Per noi è un onore recitare davanti ad una platea attenta e abituata al teatro”. Nella rappresentazione sono richiesti tutti gli ingredienti principali della buona recitazione: “il romanzo di Hemingway”, ha detto Somma, “impone tanta forza, tanta passione, trasporto e fatica. Spingo molto nella lettura perché la gente va coinvolta col pathos, da appassionato di questo romanzo ce la metto tutta. È un bel viaggio”.

 

Compagni di viaggio sono Cartisia J. Somma e Riccardo Bonaccini, che hanno condiviso empaticamente la meraviglia di Hemingway con Sebastiano Somma: “in questo testo c’è molto, credo sia un libro che scuote. Si parla di vecchiaia, solitudine, rapporti d’amicizia, rapporti con la natura, rapporto con sé, rinascita dopo la sconfitta. Dopo il lungo applauso e gli inchini di rito, il maestro Bonaccini – che vanta collaborazioni con Uto Ughi ed Ennio Morricone, fra gli altri- ha omaggiato proprio il maestro Morricone con una musica del repertorio di “Nuovo cinema paradiso”.

 

Un omaggio nell’omaggio, un’emozione tra le emozioni, proprio perché l’uomo come dice Hemingway può morire ma non essere sconfitto. E la letteratura, pregna di immortalità, sta a dimostrare proprio la vitalità di chi l’ha scritta e di chi ne fruisce.

...




28/07/2021 'Lumen. Tra scienza e sogno': 31 luglio ore 18.30
Alla Casa delle Culture, nel Chiostro

Ultima data della partecipata stagione teatrale per ragazzi “A teatro con mamma e papà” svoltasi al Chiostro della Casa delle Culture e della Musica nel mese di luglio. |.|

 

Con la direzione artistica di Claudio Maria Micheli, tre compagnie si sono susseguite sul palco dell’ex Convento del Carmine con spettacoli dedicati ai ragazzi. Il 31 luglio, sempre alle 18.30, sarà la volta di Illoco Teatro che presenta “Lumen. Tra scienza e sogno” di e con Annarita Colucci per un’età consigliata dai 6 anni in poi.

 

La rassegna è organizzata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri con i patrocini di MIC (Ministero della Cultura, Regione Lazio, ATCL e Comune di Velletri). Tutti gli spettacoli hanno un costo di € 5,00 e il biglietto si può acquistare in prevendita al Bar della Casa delle Culture e della Musica dal lunedì al venerdì con orario 9,00-19.30. Info: www.fondarc.it.

...




26/07/2021 Sebastiano Somma con 'Il vecchio e il mare' (30 luglio ore 21)
Prevendita tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30 presso la Casa delle Culture

Viaggio nel breve e celeberrimo romanzo di Ernest Hemingway, “Il vecchio e il mare”, pubblicato nel 1952 e premiato poi col Pulitzer l’anno successivo e con il Nobel nel 1954.

|.| 

Venerdì 30 luglio, alle ore 21.00, alla Casa delle Culture e della Musica l’attore Sebastiano Somma si cimenterà nel reading di uno dei classici della letteratura mondiale, fra i più belli e intramontabili. Il vecchio pescatore che non riesce più a pescare, Santiago, e Manolin, un ragazzo che lo aiuta, sono i protagonisti di questa storia sconfortante e ricca di metafore e simbologie. Un testo pieno di suggestioni che Sebastiano Somma, con una lettura scenica dal forte impatto emotivo, porterà sul palco del Chiostro della Casa delle Culture. Insieme a lui Cartisia J. Somma e il Maestro Riccardo Bonaccini, con l’Orchestra da Camera della Campania. La regia sarà curata dallo stesso Somma.

 

L’evento è patrocinato da Ministero della Cultura, ATCL, Comune di Velletri e Regione Lazio con l’organizzazione della Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli. La prevendita è attiva presso il bar della Casa delle Culture tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30.

...




20/07/2021 'Suoni in rivolta': 25 luglio ore 18.30
Alla Casa delle Culture, nel Chiostro

Riprendono le attività prodotte e organizzate dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri, diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli

|.|

Nel mese di luglio, dopo la prima data al Chiostro della Casa delle Culture, continua con “Suoni in rivolta” la piccola rassegna dedicata a ragazze e ragazzi.

 

“A teatro con mamma e papà!”, questo il titolo dell’evento, propone in cartellone “Suoni in rivolta” (di Alice Canovi e con la stessa autrice e Riccardo Carbone) per sabato 25 luglio alle 18.30. Per un’età consigliata dai 4 anni in poi. La rassegna è organizzata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri con i patrocini di MIC (Ministero della Cultura, Regione Lazio, ATCL e Comune di Velletri).

 

Tutti gli spettacoli hanno un costo di € 5,00 e il biglietto si può acquistare in prevendita al Bar della Casa delle Culture e della Musica dal lunedì al venerdì con orario 9,00-19.30. Tutti gli incontri verranno svolti nel pieno rispetto delle normative anti-contagio.

...




12/07/2021 Avviso per la nomina del revisore contabile della Fondazione
Scadenza il 9 agosto 2021

L'Amministrazione Comunale intende procedere alla nomina del Revisore Contabile della Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri, per quattro anni a decorrere dalla sottoscrizione del contratto; |.| 

 

I requisiti per la partecipazione al presente avviso pubblico sono:

- iscrizione nel registro dei Revisori Contabili;

- l’ insussistenza di cause di inconferibilità dell’incarico;

- l’ insussistenza di conflitti di interesse con l’ incarico da assumere;

 

In ordine alla veridicità delle dichiarazioni rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 il Comune si riserva di procedere alle verifiche ritenute necessarie. Le candidature presentate, carenti dei requisiti richiesti, non verranno ritenute valide. Qualora dall’ accertamento risulti l’esistenza di cause ostative alla nomina o il mancato completo possesso dei requisiti richiesti, si darà luogo alla decadenza e cessazione dell’ incarico ai sensi della normativa applicabile.

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

 

La domanda va redatta in carta semplice dichiarando:

1. nome e cognome;

2. data, comune di nascita, luogo di residenza e cittadinanza;

3. titolo di studio posseduto;

4. codice fiscale;

5. indirizzo al quale devono essere inviate eventuali comunicazioni, recapito telefonico, e-mail e, se posseduto, numero di fax;

6. di godere dei diritti civili e politici;

7. non avere riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisione civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;

8. non essere sottoposto a procedimenti penali;

9. l’autorizzazione al trattamento dei dati personali. 

 

Nell'Area Trasparenza del Sito l'Avviso Pubblico integrale.

...




01/07/2021 Programma di luglio per 'Paesaggi del corpo'
Appuntamenti il 10 e il 18 luglio 2021

Proseguono gli appuntamenti con la grande danza internazionale a Velletri (RM): il 10 e il 18 luglio si esibiranno Companhia De Dança De Almada, Riccardo Guratti, Marta G. Tabacco, Megakles Ballet/ Petranura Danza, Mandala Dance Company per Paesaggi del Corpo Festival Internazionale Danza Contemporanea. 

|.|

 

Sabato 10 luglio 2021 dalle ore 18:30, presso la Casa delle Culture e della Musica, la compagnia portoghese, fondata da Maria Franco, Companhia De Dança De Almada inaugura la giornata con due performance di grande sapienza artistica e poetica: Subrosa, ideazione e coreografia di Bruno Duarte, performance incentrata sullo studio del contatto e della relazione sessuali tra corpi e persone come comunione autentica e Marvel, spettacolo ispirato all’immaginario dei fumetti dove sei ballerini con caratteristiche eccezionali condividono una storia comune fatta di superpoteri e paure, creando una tensione dualistica tra la figura dell'eroe e quella del condannato. All’interno della retrospettiva dedicata ad autori e autrici emergenti under 35, Riccardo Guratti presenta Intuition 1 dove, utilizzando echi della danza, delle strutture e dei processi alchemici rinascimentali, ricostruisce un rituale di liberazione. Il performer porta con sé il pubblico nel creare un luogo personale e universale, una casa di possibilità per un rituale di liberazione, purificando e liberando lo spazio e i corpi che lo abitano. Mentre Marta G. Tabacco si esibisce in M-io, performance che si sviluppa a partire dal tema della perfezione, canone estetico e morale che la società ci costringe ad accettare e a raggiungere sotto forma di auto-imposizione. I movimenti imposti, predefiniti, standardizzati sono il lasciapassare per essere accettati dalla società. Ma cosa succede quando affrontiamo l’incontro con noi stessi?

 

Il secondo appuntamento di luglio è per il 18, dalle ore 17:00, quando si esibiranno in Piazza Cairoli, Megakles Ballet/ Petranura Danza con Agua e Mandala Dance Company con Les Fils Rouges. Spettacoli a cui sarà possibile assistere anche dalle ore 18:30 presso la Casa delle Culture e della Musica, dove aprirà le danze l’esito del laboratorio Visibile Poesia, condotto da Patrizia Cavola e Ivan Truol. Nella restituzione pubblica sarà centrale il dialogo con la Divina Commedia. Si attraverseranno i temi, le immagini, la struttura ritmica, il ruolo che il movimento come metafora poetica giocò in Dante. Concludono la serata Megakles Ballet/ Petranura Danza con Agua, progetto di Salvatore Romania e Laura Odierna, nato da una riflessione sul concetto di resilienza e caratterizzato dall’adozione di un movimento coreografico fluido come l’acqua che penetra la forma e ad essa si adatta investendone lo spazio con tratti precisi; e Mandala Dance Company, concept e regia Paola Sorressa, con Les Fils Rouges, una produzione site specific che si ispira alle diverse interpretazioni dei leitmotiv che ci conducono in questa Vita: un filo invisibile, lunghissimo e indistruttibile cui siamo legati alla nostra anima gemella alla quale siamo destinati prima o poi a unirci.

 

Come per gli anni precedenti, il Festival verrà realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola e sostenuto dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2021 sullo Spettacolo dal Vivo. In collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con il patrocinio del Comune di Velletri. Tutte le attività si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti-covid.

 

Il programma del Festival è su: paesaggidelcorpo.it Per info e prenotazioni: info@paesaggidelcorpo.it

...




16/06/2021 Rassegna teatrale per ragazzi al Chiostro
Tre date nel mese di luglio alla Casa delle Culture e della Musica

Riprendono le attività prodotte e organizzate dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri, diretta dal Maestro Claudio Maria Micheli. Nel mese di luglio sono in programma tre date al Chiostro della Casa delle Culture che andranno a comporre una piccola rassegna dedicata a ragazze e ragazzi. 

|.|

 

“A teatro con mamma e papà!”, questo il titolo dell’evento, racchiude tre spettacoli intensi e ricchi di emozioni che le famiglie possono condividere con serenità. Si comincia sabato 3 luglio alle ore 18.30 con Accettella Teatro che presenta “Storie in soffitta” di Alessandro Accettella e Roberto Piumini per la regia di Danilo Conti con Silvia Grande e Stefania Umana. Lo spettacolo è concepito per un pubblico dai 4 anni in su, così come il successivo “Suoni in rivolta” (di Alice Canovi e con la stessa autrice e Riccardo Carbone) in cartellone per il 25 luglio alle 18.30. Il 31 luglio, sempre alle 18.30, infine Illoco Teatro presenta “Lumen. Tra scienza e sogno” di e con Annarita Colucci per un’età consigliata dai 6 anni in poi.

 

La rassegna è organizzata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri con i patrocini di MIC (Ministero della Cultura, Regione Lazio, ATCL e Comune di Velletri). Tutti gli spettacoli hanno un costo di € 5,00 e il biglietto si può acquistare in prevendita al Bar della Casa delle Culture e della Musica dal lunedì al venerdì con orario 9,00-19.30. Tutti gli incontri verranno svolti nel pieno rispetto delle normative anti-contagio. Maggiori informazioni sotto evento sul sito www.fondarc.it.

...




Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 Avanti